closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Il primo maggio nel calendario: «Un giorno delle vostre vite vale tutte le vite dei capitalisti»

Speciale in Asia. Iran e il primo maggio

Il 22 aprile del 1982, Jomhouri-e Eslami, il giornale fondato dal Partito islamico repubblicano, riporta una dichiarazione di un funzionario della Casa dei lavoratori, Khane-ye kargar. Dice: «Il Primo maggio è una distorsione di ciò che i marxisti hanno fatto per la Seconda Internazionale di Parigi». Poi aggiunge: «Sulla base delle nostre ricerche, abbiamo scoperto che la mentalità dei protagonisti del Primo maggio era religiosa». Assegnare nuovi significanti al pre-esistente, trasformare, creare discontinuità con il passato: segue questa linea logica anche l’inserimento del primo maggio, giornata internazionale dei lavoratori, nel calendario iraniano. La forza simbolica di quella ricorrenza assume connotati...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi