closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Il primo fallimento del «negoziatore» Donald Trump

American Psycho. La controriforma sanitaria repubblicana era in realtà una finta raffazzonata in poche settimane da un partito ideologicamente, fisiologicamente, opposto al welfare. L’operazione tentava perciò di travestire da riforma lo smantellamento della sanità pubblica

New York, proteste contro il piano sanitario di Trump

New York, proteste contro il piano sanitario di Trump

Avrebbe dovuto essere la simbolica pietra tombale dell’obamismo e invece l’abrogazione dell’Affordable care act nel settimo anniversario della sua introduzione, si è trasformata in un primo clamoroso naufragio per Trump a due mesi appena dal suo insediamento. Privati dei voti necessari dalla fronda dell’ala oltranzista, i repubblicani hanno ritirato il disegno di legge che avevano definito la «priorità numero uno» della loro amministrazione. Un fallimento catastrofico per Donald Trump, l’autoproclamato «closer», autore di Art of the Deal sull’arte di concludere gli affari, non è riuscito a convincere una manciata di deputati alla prima votazione che contava davvero. E un primo...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.