closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Il pressing della Santa sede: «La guerra per vendere le armi»

Papa Francesco . Interviene anche mons. Tomasi, l'osservatore permanente del Vaticano presso l'Onu

papa Francesco

papa Francesco

Non è rimasta senza eco la denuncia di papa Francesco sullo stretto legame fra conflitti e commercio delle armi. Bisogna «dire no alla proliferazione delle armi e al loro commercio illegale», ha detto Bergoglio durante l’Angelus di domenica scorsa, chiedendo anche: «Questa guerra è davvero una guerra per problemi o è una guerra commerciale per vendere queste armi?». Ieri, infatti, dai microfoni di Radio Vaticana, è tornato sull’argomento mons. Tomasi, osservatore permanente della Santa sede all’Onu, che ha chiarito anche il senso dell’espressione commercio «illegale» usata dal papa e che aveva suscitato qualche perplessità (è da condannare solo il commercio...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi