closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Il povero gatto non c’entra con le molestie di strada

Habemus Corpus. Tutte ci siamo passate. Tutte, in modo pesante o in forma più lieve, almeno una volta nella vita

Povero gatto, ultimamente così evocato con l’adozione del termine inglese (to catcall, catcalling) che indica la molestia di strada, ma che non vuol dire chiamare il gatto. Tutte ci siamo passate. Tutte, in modo pesante o in forma più lieve, almeno una volta nella vita siamo state oggetto di apprezzamenti, fischi, commenti, battute sul nostro aspetto, sui nostri abiti, su come guardiamo, camminiamo, ci muoviamo percorrendo o attraversando una strada o un marciapiede. Si va dall’operaio infilato in una buca mentre sta riparando una tubatura del gas e che tira fuori la testa dicendo «Che gambe!», e ti ritieni fortunata...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi