closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Il povero gatto non c’entra con le molestie di strada

Habemus Corpus. Tutte ci siamo passate. Tutte, in modo pesante o in forma più lieve, almeno una volta nella vita

Povero gatto, ultimamente così evocato con l’adozione del termine inglese (to catcall, catcalling) che indica la molestia di strada, ma che non vuol dire chiamare il gatto. Tutte ci siamo passate. Tutte, in modo pesante o in forma più lieve, almeno una volta nella vita siamo state oggetto di apprezzamenti, fischi, commenti, battute sul nostro aspetto, sui nostri abiti, su come guardiamo, camminiamo, ci muoviamo percorrendo o attraversando una strada o un marciapiede. Si va dall’operaio infilato in una buca mentre sta riparando una tubatura del gas e che tira fuori la testa dicendo «Che gambe!», e ti ritieni fortunata...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.