closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Reportage

Il posto delle fragole, in Baja California

Globalizzazione. In Baja California 120mila braccianti agricoli lavorano in condizioni disumane. Il 17 marzo sono scesi in sciopero per la prima volta, massacrati dall’esercito messicano e dal potere. Domenica hanno chiesto aiuto oltre la frontiera

Gli ultimi metri della linea di confine fra Messico e Stati uniti sono il simbolo della frontiera che divide e allo stesso tempo unisce i due paesi a un comune destino di storia e di sviluppo. A Playas de Tijuana la barriera di metallo alta sette metri taglia la spiaggia e prosegue per una cinquantina di metri anche nel bagnasciuga – come a frangere anche i flutti del Pacifico in due emisferi distinti. Qui invece, sui due lati della barriera, si sono dati appuntamento centinaia di militanti per una manifestazione in solidarietà coi braccianti della Baja California in sciopero da...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.