closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Il «Portoro» di Giulio Neri, tra Nosferatu e Svevo

NARRATIVA. L'ultimo romanzo edito da Il Maestrale di Nuoro

In foto Giulio Neri

In foto Giulio Neri

È il giorno del suo ventinovesimo compleanno e Carmelo Hayez si trova «nel pieno di una Grande Depressione, e al culmine di un male oscuro personale, dopo l’ennesima notte d’insonnia». Inizia così il nuovo romanzo di Giulio Neri, Portoro (Il Maestrale, pp. 237, euro 18), dall’esordio fulminante: il capitolo si intitola «Maradona è morto», ed anche se non si tratta del dio del calcio, ma del suicidio di un compagno di squadra del protagonista che porta un soprannome così impegnativo, la lettura di un tale evento, dopo il 25 novembre 2020, provoca un certo turbamento nel lettore. Si aggiunga poi...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.