closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

“Il pizzaiolo non l’abbiamo ucciso noi”

L'ispettore del lavoro. Il caso di Napoli che ha scatenato le aggressioni. «Alla moglie chiedo scusa, per norme sbagliate»

Tutto è nato lì, da quei maledetti fatti di Napoli. Un dramma personale, prima di tutto: quello di Eddy De Falco, un pizzaiolo che si toglie la vita dopo un’ispezione e una multa, lo scorso 20 febbraio. Da lì il caos dei social network e dei talk show. L’informazione spesso superficiale che crea il «mostro», in questo caso i tre ispettori del lavoro che il giorno prima del suicidio avevano condotto l’ispezione. Nessuno però che abbia invitato quegli ispettori a parlare, a dire la loro. Nessuno che abbia pubblicato l’esatto contenuto di quel verbale: insieme al pizzaiolo non c’era solo...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.