closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Il piccolo Atari e il cane Spots, l’innocenza della rivoluzione

Al cinema. «Isle of Dogs»,Wes Anderson torna all’animazione con un omaggio al Giappone e a Akira Kurosawa. Il cumulo di rifiuti tossici su cui sono deportati i cani diviene un paesaggio contemporaneo

C’è una città in un Giappone futurista come un fumetto degli anni Sessanta che si chiama Megasaki, il cui sindaco-dittatore Kobayashi perseguita i cani. E c’è un ragazzino, «il piccolo pilota» Atari, che fugge a bordo di minuscolo jet per ritrovare il suo amato cane Spots su quella che chiamano «l’isola dei cani», una terra post-apocalittica intossicata da cumuli di rifiuti di ogni tipo. È lì che il sindaco Kobayashi (gattaro incallito), suo padre adottivo, ha deportato tutti i cani della città, quelli coccolati di famiglia e quelli di strada perseguendo uno sterminio organizzato dalle radici antiche, e che da...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi