closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Il piccolo Atari e il cane Spots, l’innocenza della rivoluzione

Al cinema. «Isle of Dogs»,Wes Anderson torna all’animazione con un omaggio al Giappone e a Akira Kurosawa. Il cumulo di rifiuti tossici su cui sono deportati i cani diviene un paesaggio contemporaneo

C’è una città in un Giappone futurista come un fumetto degli anni Sessanta che si chiama Megasaki, il cui sindaco-dittatore Kobayashi perseguita i cani. E c’è un ragazzino, «il piccolo pilota» Atari, che fugge a bordo di minuscolo jet per ritrovare il suo amato cane Spots su quella che chiamano «l’isola dei cani», una terra post-apocalittica intossicata da cumuli di rifiuti di ogni tipo. È lì che il sindaco Kobayashi (gattaro incallito), suo padre adottivo, ha deportato tutti i cani della città, quelli coccolati di famiglia e quelli di strada perseguendo uno sterminio organizzato dalle radici antiche, e che da...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.