closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Il piano di Jon Batiste vola profondo negli abissi del soul

Note sparse. Ottavo album per il musicista americano che abbandona il jazz per dedicarsi ai flussi della black music

Jon Batiste

Jon Batiste

C’è gran fermento nel mondo della black music. Tra la primavera e l’estate arrivano diversi dischi di molti artisti che dribblano con certezza le insicurezze del momento. A iniziare da We Are, che è l’ottavo disco di Jon Batiste, pianista, cantante, chitarrista, personaggio noto anche e soprattutto per essere il direttore musicale e leader della resident band che colora con note sempre appassionanti il Late Show di Stephen Colbert che va in onda sulla Cbs. Batiste si è appena aggiudicato un Golden Globe per la colonna sonora di Soul, ultima creatura in casa Pixar. Ricordate quel piano solo che volava...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.