closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Al Baghdadi annuncia il Califfato del petrolio

Iraq. L'Isil conquista due pozzi di petrolio in Siria, nel corridoio controllato dal nuovo "califfato". L'Arabia saudita gongola, Maliki tenta di resistere

Miliziani islamisti

Miliziani islamisti

Le macerie di dieci moschee sciite nelle città di Mosul e Tal Afar sono l’immagine di un paese in pezzi. I bulldozer che fanno crollare i muri dei luoghi sacri sciiti e l’esplosivo che sbriciola le pareti, il simbolo del settarismo che avvelena definitivamente l’Iraq. Come il primo discorso del “nuovo califfo” Al-Baghdadi venerdì, durante la preghiera di mezzogiorno nella Grande Moschea di Mosul, che ha mostrato il potere che si è conquistato, rivolgendosi alla folla come legittimo successore del profeta e promettendo la vittoria sugli infedeli. Questo è oggi l’Iraq, melting pot religioso, come tanti altri in Medio Oriente,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi