closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Al Baghdadi annuncia il Califfato del petrolio

Iraq. L'Isil conquista due pozzi di petrolio in Siria, nel corridoio controllato dal nuovo "califfato". L'Arabia saudita gongola, Maliki tenta di resistere

Miliziani islamisti

Miliziani islamisti

Le macerie di dieci moschee sciite nelle città di Mosul e Tal Afar sono l’immagine di un paese in pezzi. I bulldozer che fanno crollare i muri dei luoghi sacri sciiti e l’esplosivo che sbriciola le pareti, il simbolo del settarismo che avvelena definitivamente l’Iraq. Come il primo discorso del “nuovo califfo” Al-Baghdadi venerdì, durante la preghiera di mezzogiorno nella Grande Moschea di Mosul, che ha mostrato il potere che si è conquistato, rivolgendosi alla folla come legittimo successore del profeta e promettendo la vittoria sugli infedeli. Questo è oggi l’Iraq, melting pot religioso, come tanti altri in Medio Oriente,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.