closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Il pensiero unico dell’algoritmo nuoce gravemente all’ironia

Habemus Corpus. A fare le spese delle aspirazioni censorie di Facebook, è stato Renato Minutolo, attore e autore comico noto sul web per le lezioni di storia narrate nello stile di Alessandro Barbero

L’ironia non è roba per tutti. Soprattutto non va d’accordo con gli algoritmi che, educati a ragionare per massimi sistemi, sono incapaci, o non vogliono, cogliere le sottigliezze, i doppi sensi, il non detto, le allusioni, i giochi di significato, i salti mortali dei riferimenti. Uno degli ultimi a farne le spese, in quel minestrone dall’aspirazione censoria che è Facebook, è stato Renato Minutolo, attore e autore comico già noto sul web per le lezioni di storia narrate nello stile di Alessandro Barbero, i personaggi di Massimo Recanati, Nietzsche Motivatore, Amaro Cioran, Diego Fumaro spiega la Pornografia (ogni allusione a...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.