closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Scuola

Il Pd è l’agit prop della scuola azienda

Ddl Scuola. Da Berlinguer a Renzi un unico progetto neoliberista: portare l'istruzione pubblica al mercato. Uno scopo perseguito con un accanimento cieco e irragionevole da Renzi che esaspera le storture dell’autonomia scolastica in chiave padronale e autoreferenziale. Siamo all’inizio di un nuovo Medioevo per l'istruzione pubblica.

La riforma del sistema nazionale di istruzione, proposta dal Partito Democratico e passata alla Camera, accentua fortemente il dispositivo dell’autonomia scolastica, perseguita dalla fine degli anni Ottanta dai ministri democristiani Galloni e Mattarella e realizzata nel 1997 con Luigi Berlinguer. È lì, nella legge sulla semplificazione amministrativa, che la scuola, da istituzione garantita dalla Costituzione negli articoli 32 e 33, viene trasformata in ente gestore di un servizio d’istruzione, dotato di personalità giuridica. Le istituzioni scolastiche sono diventate espressioni di un’autonomia funzionale, poi sancita dalla riforma del titolo V della carta costituzionale (governo D’Alema) e da allora provvedono alla realizzazione...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.