closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Il partito arabo Raam è nella coalizione. Pioggia di critiche sul leader Abbas

Israele/governo. La formazione islamista è accusata di ingenuità politica e di aver abbandonato la lotta per i diritti dall'altro schieramento arabo, la Lista unita.

Che si tratti di un «momento storico» è oggetto di discussione. Perché non si è ancora capito quanto il partito islamista Raam sia concretamente dentro la «coalizione del cambiamento» o se si limiti a garantirne la sopravvivenza con i suoi quattro seggi in cambio di finanziamenti destinati alle località dove il 23 marzo gli elettori hanno votato per il partito. E se i partner della coalizione applaudono a Mansour Abbas, leader di Raam e protagonista della «svolta», la posizione presa dalla formazione araba è ora bersaglio delle critiche tanti palestinesi d’Israele. A cominciare da quelle taglienti che giungono dagli ex...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.