closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Il parlamento si infiamma, l’Afd rovina le celebrazioni

Germania. Volano parole pesanti durante la seduta al Bundestag dedicata al trentennale della caduta del Muro. L’ultradestra accusa Merkel di usare i metodi della stasi e di aver impedito «la svolta 2.0»

Mike Pompeo e Angela Merkel ieri a Berlino

Mike Pompeo e Angela Merkel ieri a Berlino

Comincia con il capogruppo della Cdu, Ralph Brinkhaus, che definisce il crollo del Muro come «il giorno più felice della nostra storia»; finisce con il deputato sassone di Alternative für Deutschland che accusa Angela Merkel di «utilizzare gli stessi metodi della Stasi». Così ieri la seduta del Bundestag dedicata al Trentennale della «rivoluzione non-violenta del 9 novembre 1989», che invece di pacificare le due anime tedesche ha infiammato il Parlamento. A innescare la miccia è il deputato Afd, Tino Chrupalla, che denuncia l’«agitazione e la propaganda con cui la cancelliera continua a tenere a bada il nostro popolo», prima di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.