closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Il parlamento di Kiev vota l’adesione alla Nato. Ma ora è l’Ue a frenare

Ucraina. Per Mosca si tratta di «una minaccia alla nostra sicurezza e agli equilibri dell’area»

Ieri mattina la Rada, il parlamento ucraino, con un’ampia maggioranza di 276 voti a favore (il quorum era fissato a 226) ha approvato la richiesta di adesione del paese alla Nato. Nella direttiva presa in esame dal parlamento di Kiev si afferma di «voler prendere tutte le misure per approfondire i legami con l'Alleanza, al fine di adempiere ai criteri per aderire a tale organizzazione». UN PASSO SIMBOLICO ma decisivo al fine di creare una nuova, più avanzata, cortina di ferro tra la Russia e il resto dell’Europa. Tuttavia la strada verso l’adesione all’Alleanza atlantica dell’Ucraina, è tutta meno che...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.