closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Il paradosso di «Drive my car», la scoperta dolce del già noto

Cannes 74. Miglior sceneggiatura per il regista giapponese Ryusuke Hamaguchi, un film tra i migliori visti in concorso, presto in sala da Tucker Film

Tra i film che hanno riempito lo schermo del Grand Palais Lumière quest’anno, Drive my car è quello che ha messo tutti d'accordo. Per provare a spiegare perché, bisogna in un primo momento esporre il progetto del film rispetto all'ambizione di un melò tradizionale, che è quella di farci sentire quello che provano i protagonisti dell'intrigo. Nell'adattare con molte libertà la cortissima novella «Drive my car», contenuta nella raccolta di Haruki Murakami Uomini senza donne (Einaudi 2015), il regista giapponese Ryusuke Hamaguchi ha messo l'asticella ben più in alto. Un piano al di sopra, per così dire, di altri drammi...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.