closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Il paradosso del proibizionismo

Consulta. Coltivare cannabis per uso personale resta un reato

Coltivare cannabis per uso personale resta un reato. A confermarlo ieri è stata la Corte Costituzionale, nel non ritenere fondata la questione di legittimità costituzionale sollevata dalla Corte di appello di Brescia sul trattamento sanzionatorio della coltivazione di piante di cannabis per uso personale. La questione era nata per la disparità attualmente in essere tra due tipi di condotte, entrambe relative all’uso personale. Da una parte, appunto, la coltivazione fai-da-te, dall’altra l’acquisto di marijuana sul mercato nero ed illegale. La prima fattispecie riconosciuta di gravità penale, la seconda perseguita con una sanzione amministrativa. Fu proprio questo a spingere la Corte...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.