closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Il papa, la Cina e l’individualismo possessivo

Il 14 agosto, sorvolando la Cina, in rotta verso la Corea del Sud, il Papa ha salutato Xi Jinping, con benedizioni per il popolo cinese. Di ritorno, sempre sorvolando la Cina, ha dichiarato: «In Cina andrei anche domani…», quello cinese è «un popolo nobile e saggio», la Santa Sede «ha una vera stima per il popolo cinese». Il primo Papa che sorvola la Cina comunista-capitalista con il consenso della Cina e benedice. In Cina i gesuiti sono di casa, da secoli. E’ tempo che fra Vaticano e Cina si instaurino normali relazioni diplomatiche, oggi favorite dal Papa e da Xi....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi