closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Il Papa e i corrotti

Papa Bergoglio

Papa Bergoglio

I politici e gli amministratori corrotti «dovranno rendere conto a Dio» delle loro azioni. Lo ha detto ieri papa Francesco durante l’udienza generale a S. Pietro. «Una persona corrotta sarà felice dall’altra parte?». No, il suo cuore è corrotto e «sarà difficile andare dal Signore», ha ammonito, evocando, senza nominarlo, l’inferno. Non è la prima volta che Bergoglio parla di corruzione. Lo aveva già fatto a marzo durante la messa in Vaticano per i parlamentari. E rilancia in giorni di inchieste e arresti, dall’Expo al Mose, dove sono emerse anche relazioni con enti ecclesiastici come il Marcianum (senza rilevanza penale)....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi