closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Il papa delle periferie: mi sento a casa

Uganda. Bergoglio denuncia «l’ingiustizia terribile dell’emarginazione urbana», ferite «inferte da minoranze attaccate a potere e ricchezza»

Francesco è da ieri in Uganda per la seconda tappa del suo viaggio apostolico in Africa che si concluderà domani a Bangui - Repubblica Centrafricana - con l’apertura della porta santa che segnerà l’inizio del Giubileo della misericordia. Ad accoglierlo venerdì pomeriggio all’aeroporto di Entebbe - a 40 km dalla capitale Kampala - c’erano il presidente Yoweri Museveni, personalità politiche e religiose oltreché uomini e donne di tutte le età ammassate lungo i cordoni del percorso verso il palazzo presidenziale. Prima di lasciare il Kenya per l’Uganda il papa ha visitato in mattinata la grande bidonville ai margini di Nairobi,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi