closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Economia

Il Paese riparte, ma senza le persone

Rapporto Istat. Il 2015 è l'anno di una piccola, graduale ripresa, ma la disoccupazione resta molto alta. Un italiano su 10 è costretto a rinunciare alle cure mediche, soprattutto al Sud. Donne ancora discriminate nelle imprese, ma sempre più lavoratrici sono l'unica fonte di reddito per le famiglie

All’Italia mancano 3,5 milioni di occupati per raggiungere la media Ue. Un cittadino su 10 rinuncia alla cure sanitarie, fenomeno molto più presente al Sud che al Nord. Bastano questi flash, anche solo queste due immagini per cogliere la gravità del quadro economico-sociale del Paese tracciato dall’ultimo rapporto Istat, pubblicato ieri. Ma le brutte "notizie"- se così si possono chiamare i risultati dell’inchiesta Istat sul 2014 - non finiscono qui: precariato persistente e diffuso, part time non volontario, lavoro sommerso e irregolare. Le donne non riescono a rompere il "tetto di cristallo" che le separa dalle posizioni più elevate nelle...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.