closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Il nuovo teatro della Corte Ospitale

Itinerari. Un antico chiostro lungo la via Emilia diventa spazio di «resistenza»per un gruppo di artisti

La direttrice della Corte Ospitale Giulia Guerra e lo staff

La direttrice della Corte Ospitale Giulia Guerra e lo staff

«È un chiostro magnetico, attraversato da un’energia trasformativa». Così Giulia Guerra descrive La Corte Ospitale, lo spazio di residenza e creazione artistica da lei diretto, un tempo luogo di ristoro per i pellegrini in viaggio lungo la Via Emilia. Il complesso architettonico costruito nel XVI secolo è stato adibito allo scopo attuale venti anni fa, grazie ad un restauro voluto dal comune di Rubiera, cittadina di quindicimila abitanti situata nel comune di Reggio Emilia. Laddove anticamente si condividevano giornate di raccoglimento e preghiera, oggi gli artisti hanno a disposizione quattro sale prove per lavorare e settanta posti letto. Un unico...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi