closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Il naufrago testimone

Per terra e per mare. L’isola è un laboratorio della letteratura fantastica. Solo tre nomi, Castel, Morel e Moreau per capire le manipolazioni e gli innesti mostruosi di un’umanità reclusa. Il delirio dell’era positivista va in scena nella totalità chiusa di un micromondo

L’isola è tra i luoghi sacri della letteratura fantastica. Lo è nel senso più stretto e pertinente: un piccolo universo conchiuso nel quale misurarsi con le prerogative della divinità, uno spazio protetto per potersi esercitare nel gioco della creazione. Un laboratorio del tutto speciale, attrezzato per produrre o manipolare le aspirazioni più profonde dell’essere umano: eternità, felicità, libertà. Senza essere ostacolati dalle regole e dalle interferenze della vita sociale e delle sue istituzioni. Quelle che, invece, nella prosaica isola di Robinson, il laborioso eden dell’homo oeconomicus, andavano mettendo in scena la legittimazione (anch’essa fantastica nella sua interessata irrealtà) della propria...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi