closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Il museo egizio di Mallawi, un tesoro ridotto in macerie

Minia. Mille pezzi sono stati trafugati, mummie ridotte in cenere. Ma il ministro dell’Archeologia, Mohammed Ibrahim, minimizza la portata del saccheggio

Il museo egizio Mallawi di Mina

Il museo egizio Mallawi di Mina

«È un furto comparabile al saccheggio del Museo di Baghdad: il più grave incidente della storia museale egiziana», inizia così la sua denuncia Emad Adly, l’archeologo dell’Istituto francese di archeologia orientale del Cairo. Adly fa riferimento all’irruzione della notte del 14 agosto scorso al museo egizio Mallawi di Minia. «Si è trattato di un’opera dei sostenitori di Morsi. Hanno lasciato il museo in uno stato di distruzione quasi totale: circa mille pezzi sono stati trafugati, mentre gli oggetti voluminosi che non potevano essere trasportati, sono stati fatti a pezzi e le sale sono state incendiate». Secondo la ricostruzione dell’archeologo, il...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.