closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Il mondo tentenna, mentre Siria e Iraq si spaccano

Medio Oriente. A Raqqa si intensificano i bombardamenti, ma Daesh resiste e la diplomazia arranca. Le milizie sciite irachene spadroneggiano e puntano a prendere il controllo di Baghdad

Jet militari francesi

Jet militari francesi

Non c’è pace per Raqqa. Le bombe francesi e russe non cessano di cadere sulla città massacrata dalla morsa islamista. Quasi impossibile comunicare con chi è rimasto: internet è bloccato da mesi, gli attivisti sono sotto stretta sorveglianza. Restano i telefoni con cui qualche temerario racconta ai rifugiati all’estero una vita sotto attacco dei tanti attori locali e globali della guerra civile siriana. Da quasi una settimana i raid internazionali si sono intensificati e ai morti islamisti si aggiungono i primi civili. Se Mosca nega, l’Osservatorio Siriano per diritti umani ribatte: sono oltre 1.300 i morti nelle operazioni russe, di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi