closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
1 ULTIM'ORA:
Visioni

Il mondo di Paul, tra cuori instabili e un’allegra anarchia

Hollywood. É morto Mazursky, il regista di «Stop a Greenwich Village», protagonista negli anni ’70 di quel cinema americano influenzato dagli autori europei

Harry e Tonto

Harry e Tonto

Solo quando un artista del calibro di Paul Mazursky viene a mancare, ci si rende conto del vuoto che lascia dietro di sé. Nel decennio settantesco, Mazursky sembrava, a torto, un autore di seconda fila. Citato sovente insieme a un altro sottovalutato come Hal Ashby. La costanza qualitativa del suo lavoro, sia in veste di sceneggiatore sia di regista, aveva paradossalmente alimentato l’idea di Mazursky come un regista «scontato», che in qualche modo c’era comunque. Ammettiamo che gli esiti registici, non sempre brillanti, dai tardi anni Ottanta in avanti abbiano prodotto l’immagine di un autore che viveva di rendita adagiato...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.