closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Editoriale

Il mondo caotico di Ezio Mauro. Presto, armi a Repubblica

Ezio Mauro

A chi inviamo armi oggi? Dopo i kurdi, dopo quelle alla Libia e alla Siria (finite irreparabilmente ai jihadisti), dopo aver letto l’editoriale di Ezio Mauro, non abbiamo dubbi: inviare subito armi alla «Repubblica». Difficile, francamente, leggere un editoriale più caotico e sospeso in un vuoto davvero pericoloso. A un certo punto abbiamo temuto che un virus o un copia-incolla sbagliato abbia immesso nella riflessione autorevole una lunga giaculatoria di Oriana Fallaci, l’ennesima lode al «civile» Occidente insidiato dall’inferno barbaro che lo circonderebbe, dall’Islam al resto del mondo.

Dunque per Mauro sarebbe cominciata la terza era dell’Alleanza, dopo la prima della Guerra Fredda e la seconda, quando con la caduta del Muro «sembrò aprirsi un secolo lungo senza più nemici per le democrazie che avevano infine riconquistato il Novecento».

Eppure le date non tornano: la prima Nato nasce preventiva nel 1949 (il Patto di Varsavia nascerà solo nel 1951) e la seconda stagione atlantica si avvia nell’aprile del 1999 (dieci anni dopo l’89) a Washington in piena guerra «umanitaria» di 78 giorni di raid sull’ex Jugoslavia. Con una nuova guerra espansiva: altro che alleanza di «difesa».

Ma la democrazia non aveva vinto? Non era il caso di rivedere quell’Alleanza sciagurata, invece di mantenere l’ideologia del nemico necessario.

Ma ora la terza fase, quella nata ieri in Galles, è davvero necessaria: guardate il Califfato islamico con la sua morte sceneggiata. Ma chi ha usato questi macellai nei vari teatri di guerra, dall’Afghanistan alla Bosnia, se non l’Occidente e per portare alla vittoria, contro il socialismo realizzato morente e per geostrategie di potenza, l’ideologia atlantica della primazia di civiltà? Che rapporto c’è ora tra pugnale insanguinato islamista e cluster bomb americane e israeliane?

Niente dubbi. Anche se la democrazia ormai «esclude», serve solo ai garantiti, «non è più garanzia di governance», saltati gli Stati nazionali, nelle sedi sovranazionali. Il mondo è «fuori controllo» ed è «impossibile» lo scambio tra cittadini e Stato, tra diritti e «sicurezza». Militare, naturalmente. ma allora, si chiede Ezio Mauro siamo comunque disposti a difendere la democrazia sotto attacco?

Pure se esausto e senza contenuto, per Ezio Mauro l’Occidente va difeso «ad ogni costo». E anche Putin – è il caos – deve rispondere alla sfida islamista (come se avesse dimenticato Beslan a tre giorni dall’anniversario). Quindi nuove guerre «umanitarie» insieme a tante basi della Terza gloriosa fase Tre della Nato, a ridosso della Russia. Un nuovo Muro militare.

Subito, ad ogni costo, armi a Repubblica.

Un’eredità preziosa

Norma Rangeri

Caro professore, perché questo sei stato per tanti di noi, ora che ci lasci…

Quando la democrazia fu affidata a criminali di Stato

Patrizio Gonnella

A Genova la democrazia fu sospesa e messa nelle mani di criminali di Stato.…

Alias Comics, dal 28 giugno in edicola

Matteo Bartocci, Andrea Voglino

Il manifesto torna a scommettere sulla Nona arte con un supplemento estivo a fumetti:…

La tentazione che frena la sinistra

Norma Rangeri

Non è che l’inizio, l’inizio di una perigliosa navigazione, però l’affollata assemblea di domenica…

Sul clima Trump ha risvegliato l’Europa

Ermete Realacci

Non so quanto abbia influito sulla sua larga vittoria, ma l’impegno di Macron sul…

Il lavoro cuore del conflitto

Norma Rangeri

Il governo da una parte, la Cgil dall’altra. Su sponde opposte rispetto alla polemica…
  • funes el memorioso

    È curioso, tutti son “pronti” a far guerra ai nemici dell’Occidente e nessuno si lamenta dei guasti e degli sfasci, dei “danni collaterali” causati dalla mondializzazione selvaggia e dalla dittatura della finanza.
    A Ezio Mauro e ai suoi simili più che un elmetto gli occorrebbe un cervello funzionante.

  • gianni rosso

    Anch’io ho letto l’articolo di Ezio Mauro e sono pienamente d’accordo con te. L’ho trovato infatti superficiale e contraddittorio. Già all’epoca della guerra del Golfo del 91 notai come anche persone insospettabili avessero perso la testa assumendo toni isterici e mostrando forse la loro vera natura.

  • Antoinette

    “Socialismo realizzato”?

  • Paolo Cinque

    Per quanto le considerazioni di Mauro tocchino un problema i cui termini sono contraddittori e perfino cinici – l’Occidente democratico ha finanziato e armato dittatori e macellai di tutte le risme per interessi che non hanno nulla a che fare con la concezione occidentale della democrazia – la questione della posizione da prendere resta: a) che pericolo riconoscere al califfato? se il pericolo è riconosciuto come estremo (io lo penso) cosa fare per opporvisi? La soluzione armata (polizia internazionale, che non esiste e che, come ONU, non ha mai finora funzionato) è l’unica possibile (nel caso del califfato io lo penso)? Se non è l’unica possibile, quali alternative si possono praticare? Per concludere: io non credo affatto che si tratti si uno “scontro di civiltà” ma di un caso di locale efferratezza genocidaria e fondamentalista che, analogamente al Nazismo, richiede un inevitabile ricorso ad una difesa armata (che allora venne attuato da regimi “democratici” e “socialisti” tutt’altro che innocenti)

  • Giorgio Di Giacomo

    Un Nemico per tutte le Stagioni
    L’amico è necessario, il nemico è utile. La vita senza nemici è una vita noiosa, le persone senza nemici sono di solito persone noiose: bisogna essere mediocri, diceva Oscar Wilde, per essere benvoluti da tutti. furbizie e scappatoie: il nemico deve essere visibile e riconoscibile – non fumose chiacchiere sul tipo sociale, non inconcludenti filippiche sul tipo umano. “Giudica un uomo in base ai suoi nemici, oltre che dai suoi amici”. Avanti un altro !