closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Il mistero da svelare nel cadavere di una sconosciuta

Al cinema. L'horror di André Øvredal ambientato all'obitorio

Non sappiamo se il regista norvegese André Øvredal fosse consapevole che Autopsy, almeno in Italia, sarebbe uscito l’otto marzo. Il suo primo film in lingua inglese, ambientato in un piccolo paese della Virginia, con protagonisti il medico legale Tommy Tilden e il figlio assistente, in effetti, porta in dote il tema della violenza sulle donne esemplificato nel cadavere di una sconosciuta, trovato inspiegabilmente in una casa dove si è consumata una carneficina. Sin dalla scena del delitto, c’è qualcosa che non quadra. È nell’obitorio che il mistero s’infittisce. Jane Doe all’esterno non mostra alcun segno di violenza. Quel corpo nudo immacolato,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.