closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Il ministro libanese anti-Golfo lascia. Ma la «soluzione» la dà Macron

Libano. Kordahi si dimette dopo la crisi diplomatica con i sauditi. E mentre il paese dei Cedri sprofonda nell'inflazione e la svalutazione della lira, il presidente francese a Doha vende 17 miliardi in armi e annuncia: risolverò la rottura

George Kordahi

George Kordahi

Il ministro dell’informazione libanese George Kordahi si è dimesso ieri dal suo incarico. «Non accetterò di essere usato come un motivo per danneggiare il Libano e i nostri fratelli libanesi in Arabia saudita e nel Golfo». In un video Kordahi aveva bollato come «futile» l’azione saudita in Yemen contro la minoranza sciita Houthi, spalleggiata da Iran e Hezbollah, che «si è difesa da un attacco esterno». Il video, in realtà precedente alla sua nomina il 10 settembre scorso, aveva cominciato a circolare verso fine ottobre, quando l’Arabia saudita, seguita a ruota da Emirati, Kuwait, Bahrain, Yemen, aveva dato inizio a una...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.