closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Il ministero egiziano della repressione e dei depistaggi si addestra in Italia

Giulio Regeni. Tra il 2018 e il 2019 la polizia italiana ha formato agenti egiziani. Una collaborazione con il ministero più controverso d'Egitto: quello che gestisce i servizi segreti, che ha depistato sull'omicidio di Regeni e di cui fanno parte i suoi aguzzini. E quello che ogni anno indaga, incarcera e fa sparire dissidenti veri e presunti

Poliziotti egiziani

Poliziotti egiziani

La polizia italiana ha addestrato tra il 2018 e il 2019 agenti egiziani. Lo ha fatto in Sardegna, nel Centro di addestramento e istruzione professionale di Abbasanta. Ad autorizzare i corsi di formazione sono stati due diversi governi, quello Gentiloni e il Conte 1. La notizia, riportata ieri su queste pagine da Antonio Mazzeo, apre a considerazioni dirimenti nella battaglia per la verità e la giustizia per Giulio Regeni, rapito, torturato e ucciso al Cairo tra il 25 gennaio e il 3 febbraio 2016. Nel 2018 e nel 2019 il quadro delle responsabilità era già chiaro: non solo avevamo assistito...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi