closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Il Mercatino di Ravenna all’ombra del Poeta

Anni Settanta. Dopo l’esperienza inaugurale di Castelporziano le nuove pratiche di scrivere in versi

Un'incisione di Gustavo Doré

Un'incisione di Gustavo Doré

Tre mesi dopo il giugno internazionale dei poeti a Castelporziano, il 14-15 settembre del 1979 si apriva a Ravenna, per iniziativa del gruppo «Tutto Previsto» il Mercatino di poesia. Alla metà degli anni Settanta erano nate nuove istituzioni dello scrivere in versi, molto prima di questi eventi pubblici: riviste, fanzine, luoghi d’incontro, letture private e pubbliche. Durò molti anni (troppo pochi), era un sentire reale non una moda, copriva il vuoto tra la politica disseminata ovunque di quegli anni e lo spazio privato, individuale ed intimo fin lì accuratamente nascosto. C’erano in giro riviste appena aperte, gruppi che si fondavano...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.