closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Il melodramma scopre il Diverso

Lirica. «Norma» e «Otello» nella stagione dello Sferisterio - sotto la direzione artistica di Francesco Micheli che ha come tema il Mediterraneo, luogo di transiti, avventure e luogo di incontri e scontri tra diversi popoli

Otello andato in scena allo Sferisterio di Macerata

Otello andato in scena allo Sferisterio di Macerata

Anche quest’anno il muro iperbolico dello Sferisterio di Macerata, quello che il direttore artistico Francesco Micheli al suo esordio ha definito «assurdo e bello quanto un’installazione d’arte contemporanea», è stato testimone di una stagione lirica ambiziosa, la 52°, composta di due titoli nuovi, Norma di Giovanni Bellini e Otello di Giuseppe Verdi, ovvero l’inizio e la fine del melodramma romantico, e la ripresa di un titolo di tre anni fa, Il trovatore ancora di Verdi, punto di travaso del romanticismo giovane in quello maturo. Il tema della stagione è «Mediterraneo», luogo di transiti, avventure e tragedie, crociate, crociere e naufragi,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi