closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Reportage

Il mattatoio del venerdì al Cairo

Fratricidio. Nel giorno della preghiera esplode la rabbia degli islamisti. L’esercito non sta a guardare. Oltre cento morti solo nella capitale. Visita alla moschea Imam, trasformata in obitorio, dove le vittime arrivavano al ritmo di dieci al minuto. Accuse reciproche di «fascismo» tra esercito e Fratellanza

Torniamo a Rabaa al Adaweya dopo il massacro: è un inferno. Ahmed, un giovane islamista, appena uscito dal carcere, piange mentre ci mostra desolazione e distruzione. Via Nasser, strada percorsa tante volte tra le barricate costruite dai Fratelli, è irriconoscibile. Decine i blindati andati in fiamme, per strada ci sono voragini nere dove sono state incendiate vetture e auto della polizia. La moschea di Rabaa ha i segni vivi dell’incendio, l’ospedale da campo anche. Polizia, militari e uomini armati in borghese presidiano l’ingresso dove brulicavano nei giorni precedenti decine di migliaia di islamisti. La stazione di polizia a destra dell’accampamento...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi