closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Editoriale

il manifesto reloaded

Crowdfunding. Vogliamo creare insieme a voi il nuovo manifesto digitale. Porteremo il giornale non solo sul sito e su iPad ma su ogni smartphone e tablet in modo che possiate leggerlo ovunque vogliate nel modo più semplice ed economico possibile

In 42 anni di vita sempre sul filo del rasoio di campagne di sottoscrizione ne abbiamo fatte decine. Ma nessuna come quella che inizia oggi. Stavolta vi chiediamo di partecipare e decidere insieme a noi prima che le cose accadano e non dopo, a giochi fatti.

Da oggi fino al 31 ottobre sul sito campagne.ilmanifesto.mobi è possibile contribuire a un progetto che abbiamo in mente da tanto tempo ma che non siamo ancora riusciti a realizzare. Con il vostro aiuto e una donazione di appena 2 euro porteremo il giornale non solo sul web e su iPad come oggi ma su ogni smartphone e tablet, in modo che possiate leggerlo sempre, ovunque vogliate e nel modo più semplice ed economico possibile.

È un progetto ambizioso, che comprende un’enorme fase di sviluppo iniziale invisibile ai lettori, con un nuovo sistema editoriale digitale e un sistema di amministrazione degli abbonamenti unificato, conveniente, semplice e integrato. Vogliamo offrirvi di più, a meno. Entro pochi mesi insomma il manifesto potrebbe avere un sito completamente rinnovato e un giornale disponibile su tutti i telefoni e tablet, a cominciare da Apple a android.

Questo giornale è fragile ma economicamente sano. Fino alla fine del 2014 non riceveremo alcun finanziamento pubblico. Non abbiamo debiti ma non abbiamo, almeno per ora, le risorse necessarie agli investimenti. Per questo ci rivolgiamo a voi. Non per coprire i nostri «buchi» finanziari ma per costruire tutti insieme il manifesto di domani.

Il sito che vogliamo è senza pubblicità, costruito per voi

Se raggiungeremo una quota di abbonamenti sostenibile, il manifesto digitale sarà senza pubblicità, finanziato dagli abbonamenti e dalle vendite, a prezzi convenienti. Un’oasi di notizie e approfondimenti senza banner, pop-up e filmati sparati a tutto volume mentre si è impegnati a capire cosa accade.

Il sito che abbiamo in mente è denso dei contenuti “radicali” che già conoscete ma sarà sempre di più anche una comunità, uno spazio nostro, collettivo, dove discutere, informarsi, polemizzare, approfondire, conoscersi, agire e inter-agire. In altre parole, costruiremo un sito attorno a voi e per voi, non per gli inserzionisti o per attirare «traffico» con filmati di gattini o l’ultimo gossip. Un sito di notizie e di «community» finanziato dai lettori.

Dal 1971 pionieri in tutto, da oggi anche nel «crowdfunding»

Il manifesto è stato uno dei primi quotidiani italiani a dotarsi di un sito Internet, nel 1995. E fin dal 1971 siamo pionieri nelle campagne di auto-finanziamento. Senza di voi questo giornale non esisterebbe neanche per un giorno.

Se questo progetto avrà successo potrà aprire la strada non più a campagne di sottoscrizione indifferenziate ma a una o più campagne mirate, in cui deciderete voi stessi, fin dall’inizio, le «priorità» del giornale.

Siete sempre stati al nostro fianco. Stavolta non vi chiediamo di aiutarci a saldare un debito o evitare la chiusura. Vi chiediamo di mettere insieme a noi il primo mattone del futuro.

Investite sul futuro, pre-abbonatevi

Il costo di questo progetto è di 40.000 euro. Tutti i donatori saranno ricordati «per sempre» in una pagina dedicata solo ai «fondatori» del nuovo sito. E, soprattutto, a chi sottoscrive da 15 euro in su manderemo un coupon omaggio con cui potrà abbonarsi al giornale (o prolungare la lettura se è già abbonato). In questo modo il vostro contributo non sarà a fondo perduto ma un vero investimento sul futuro, una sorta di pre-abbonamento al nuovo manifesto.

Potete contribuire oggi, subito, e invitare altri a farlo, in modo da avere tutto pronto per voi nel più breve tempo possibile. Abbiamo lavorato molto per arrivare fin qui e molto resta da fare. Ora abbiamo bisogno del vostro aiuto. Se ognuno di voi darà anche solo 2 euro la campagna potrebbe concludersi velocemente e potremmo dedicarci a nuovi progetti. Noi ci siamo e voi?

Partecipa su https://campagne.ilmanifesto.mobi

I commenti sono chiusi.