closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Il male della Storia è una solitudine cantata

SCAFFALE. «Versi vissuti», la raccolta poetica di Edith Bruck con testi dal 1975 al 1990, a cura di Michela Meschini. Con le sillogi «Il tatuaggio», «In difesa del padre» e «Monologo»

Edith Bruck, ungherese, deportata ad Auschwitz tredicenne, con i genitori, due fratelli e una sorella, fortunosamente scampata alla morte, ma non alla decimazione dei suoi cari, sceglierà dopo il 1954 l’Italia come il paese d’adozione e dell’amore, avendo lì incontrato e sposato il regista e poeta Nelo Risi. AUTRICE NOTA in Italia soprattutto come testimone straordinariamente sincera e limpida del genocidio ebraico che ha raccontato, insieme ad altri temi ricorrenti, in racconti, romanzi, raccolte poetiche, testi per il teatro, la televisione, la radio, il cinema, scritti nella sua seconda lingua, l’italiano. Idioma, adottato e amato come il paese scelto per...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.