closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
ExtraTerrestre

«Il made in Italy? Solo marketing»

Intervista. Jean Baptiste Mallet: alcuni industriali usano la buona reputazione del cibo italiano per vendere prodotti di pessima qualità

Jean-Baptiste Malet ha passato due anni sulle tracce del pomodoro industriale. L’autore in alcuni casi ha dovuto celare la sua identità di giornalista per ottenere le informazioni e svelare gli scandali. Quali sono state le principali difficoltà che hai incontrato? La principale difficoltà di un'indagine nell'universo agroalimentare è sapere cosa sta accadendo nelle fabbriche, alle quai è difficile accedere. Le informazioni sono rare, quelle fornite da statistiche doganali, flussi, turnover a volte sono confuse e ci vuole molto tempo per ricavarne qualcosa di affidabile. Molti degli industriali che ho incontrato mi rendevo conto che stavano mentendo, ma starli ad ascoltare...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.