closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
1 ULTIM'ORA:
Reportage

Il lungo sacco della Conca d’Oro

Ambiente e urbanistica . La «paradisiaca» campagna attorno a Palermo, ricoperta di agrumeti, teatro da decenni di speculazioni edilizie e terra di conquista delle mafie senza alcun contrasto, è ancora priva di tutele. Mentre nuovi interessi preparano un altro assalto cementizio

Palermo, Conca d'Oro

Palermo, Conca d'Oro

Meno di quarant’anni fa, Fernand Braudel, in un suo saggio sulle terre del Mediterraneo, riservava l’attributo che è proprio di un paesaggio perfetto esclusivamente alla campagna attorno a Palermo: la Conca d’oro, ricoperta di alberi di limone e mandarino, era «paradisiaca». Ma già da vent’anni era arrivato l’inferno. Tra il 1965 e il 1970 ogni anno avevano cambiato uso oltre 200 ettari – 3000 nei due decenni – e da terre di leggendaria fertilità erano diventate una brutta periferia di cemento e di asfalto. Fu «il sacco di Palermo». Mafia, politica e affari avevano assunto un unico volto: quello di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.