closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Il litorale romano è un set per ostaggi di varia umanità

Narrativa. «Hostia», il terzo romanzo di Federico Bonadonna, per Round Robin

Bentornati negli anni ’80: quelli veri, non quelli ridipinti dalla nostalgia. La location è il litorale di Roma: un postaccio stando alle cronache nere del XXI secolo, ma le cose non erano molto diverse anche trent’anni fa. Era la stessa terra di nessuno, a pochi km da Roma eppure non Roma: una sorta di periferia estrema, violenta e desolata. IN QUEL DECENNIO, che il sortilegio della memoria e della smemoratezza ha reso molto più scintillante di quanto non fosse, sul litorale come nella metropoli la roba la si sparava in vena invece di sniffarla o cuocerla, e i tossici sbandati...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.