closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
L'Ultima

Il linciaggio del cigno

Storie. La spedizione punitiva contro un volatile che nidificava sul lago di Bracciano e la morte dell’orsa Danzica lo confermano: la vera emergenza del pianeta si chiama antropocentrismo

Ricordate il cigno reale aggredito in primavera sul lago di Bracciano? Ebbene, non ce l’ha fatta, è morto. In cura presso la Lipu a Roma per settimane, l’animale non riusciva più a deambulare, le ferite da decubito gli avevano piagato la pancia, la testa era perennemente reclinata sulle ali come un’ammainabandiera. Il cigno aveva vissuto i suoi quindici anni nidificando in un’ansa del Parco del Lago, un campeggio situato tra Anguillara e Trevignano, sul lago che costituisce un ricovero ideale per questa specie di anatidi. Faceva coppia fissa con una femmina che stava,al momento dell’aggressione, covando le uova. Un ragazzetto...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.