closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Il grosso guaio del parlamento più piccolo

Al senato. Domani il penultimo passaggio delle «camerette»: una riforma costituzionale buona per gli slogan, pessima per la democrazia. Con oltre un terzo di rappresentanti del popolo in meno, i lavori saranno più difficili e le minoranze meno rappresentate. E si risparmia molto meno di quanto dicono i 5 Stelle

Con la riforma costituzionale in arrivo, la camera dei deputati perderà quasi il 37% dei seggi, 230 deputati su 630

Con la riforma costituzionale in arrivo, la camera dei deputati perderà quasi il 37% dei seggi, 230 deputati su 630

Che effetto farà l’emiciclo della camera dei deputati con duecento rappresentanti del popolo in meno? In quell’aula, negli ultimi cento anni - appena celebrati con una mostra e un documentario sull’opera dell’architetto Ernesto Basile - problemi con i posti a sedere ci sono sempre stati. Ma all’opposto: bisognava aumentarli. Da quando la nuova aula di Montecitorio è entrata in funzione, il 20 novembre 1918, i deputati sono cresciuti di 112 unità. Erano 518 nella legislatura cominciata il 1 dicembre 2019 - la quindicesima e ultima del regno senza Benito Mussolini tra i banchi - sono 630 oggi. Dal 1918 il...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.