closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Il grido dei maestri contro il neoliberismo

Messico. Proteste per le riforme strutturali imposte da Enrique Pena Nieto

«Non è finita, torneremo a lottare ». Per le strade del Messico - minacciato dall'uragano Ingrid, che ha già provocato 21 morti sulle coste - risuona la promessa dei maestri, violentemente sgombrati venerdì dalla polizia dopo un mese di proteste. Dal 19 agosto, giorno d’inizio delle scuole, gli insegnanti, in gran parte delle elementari, hanno occupato plaza Zocalo - la piazza più importante della capitale Città del Messico, e del paese - per protestare contro la riforma dell’educazione voluta dal presidente Enrique Pena Nieto. Un capitolo delle «riforme strutturali» di stampo neoliberista programmate da Nieto, esponente del Partito rivoluzionario istituzionale...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.