closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Il governo libico: «Vogliamo i caschi blu»

Libia. L'Onu lascia il paese per le violenze

Da Tripoli a Bengasi, non si fermano le violenze in Libia. Per ragioni di sicurezza, la missione delle Nazioni unite ha evacuato il personale di stanza nel paese. Impotente di fronte allo sfascio provocato dagli scontri tra mafie, fazioni e milizie, il governo spera però che l’Onu ritorni. E si appella agli impegni presi durante la rivolta contro Muammar Gheddafi: «Nel 2011 - ha detto il portavoce del governo, Ahmed Lamine - le Nazioni unite hanno votato una risoluzione per aiutare i libici contro il regime. La prima cosa, allora, è andare dall’Onu perché ci aiuti a ristabilire l’ordine». Nei...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi