closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Il governo spara sulla protesta di Mogadiscio: almeno due morti

Somalia. Le opposizioni accusano il presidente "Farmajo" per il continuo rinvio delle elezioni presidenziali, nonostante il suo mandato sia scaduto. Alta tensione, sospesi i voli internazionali

La protesta di ieri a Mogadiscio prima degli spari della polizia

La protesta di ieri a Mogadiscio prima degli spari della polizia

Cresce sempre di più la tensione a Mogadiscio dove ieri mattina una manifestazione delle opposizioni politiche è stata repressa dalle forze di sicurezza governative con colpi di arma da fuoco. Il bilancio è ancora provvisorio: alcune decine di feriti e due vittime accertate, negli scontri tra le opposte fazioni che erano già cominciati nella notte tra giovedì e venerdì. Scambio reciproco di accuse tra governo e opposizioni: il premier Mohamed Husein Roble ha affermato su Twitter che «i miliziani armati, incaricati di proteggere i leader delle opposizioni, hanno attaccato un checkpoint presidiato dalle forze dell’ordine e hanno tentato di conquistare...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi