closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Il governo Sánchez ci ripensa, venderà le bombe a Riad

Spagna . I 400 ordigni di precisioni alla fine saranno spediti in Arabia saudita: «Non esiste alcuna irregolarità»

Il re Felipe VI con il principe saudita Mohamed Bin Salman durante la sua visita in Spagna lo scorso aprile; sotto la ministra ella difesa Margarita Robles

Il re Felipe VI con il principe saudita Mohamed Bin Salman durante la sua visita in Spagna lo scorso aprile; sotto la ministra ella difesa Margarita Robles

Anche il governo socialista avrà le mani macchiate di sangue. Il ministro degli esteri spagnolo Josep Borrell ha chiuso ieri la polemica scoppiata la settimana scorsa sulle 400 bombe destinate al governo saudita. La ministra della difesa Margarita Robles aveva annunciato di voler bloccare l’invio delle bombe accordato nel 2015 per il timore che venissero impiegate nella sanguinosa guerra yemenita per commettere crimini di guerra contro i civili. Entusiasmo fra le ong e nei partiti di sinistra. Ma la potentissima longa manus di Riad non ha tardato a farsi sentire, minacciando di cancellare ipso facto il contratto per la costruzione...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.