closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Il governo parallelo di Bolsonaro «genocida ciarlatano»

Brasile. La Commissione d’inchiesta sul Covid consegna oggi 1.200 pagine di accuse contro il presidente e il suo entourage criminale. Medici, imprese e ministri dietro l’atroce decisione: perseguire l’immunità di gregge (niente lockdown né mascherine) e usare l’Amazzonia come cavia di terapie fantasiose

«I vaccini salvano la vita»: manifestazione a Brasilia contro «il genocidio di Bolsonaro»

«I vaccini salvano la vita»: manifestazione a Brasilia contro «il genocidio di Bolsonaro»

Il grande atto d’accusa è arrivato. Dicono sia di 1.200 pagine – le dimensioni de Il signore degli anelli di Tolkien, fantastico sia come romanzo che come fermaporta. È la relazione finale della Commissione parlamentare d’inchiesta sul Covid in Brasile, paese che il virus ha massacrato. Il testo sarà consegnato oggi ai senatori commissari, dopo sei mesi di audizioni. La settimana prossima sarà votato. Se passa, verrà consegnato al procuratore generale della Repubblica per le incriminazioni del caso. Contiene il nome del presidente Jair Bolsonaro, di tre suoi figli, dei quattro diversi ministri della sanità che la crisi Covid ha...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.