closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

Il governo non vuole più risparmiare sulla sicurezza sul lavoro

Morti sul lavoro. Il governo ha varato un pacchetto di norme e fondi a tutela della sicurezza dei lavoratori. Alessandro Genovesi (Fillea Cgil): "E' un segnale positivo, ma vanno fatte modifiche e integrazioni in sede di conversione". Ma la tragediaquotidiana continua: ieri altre quattro vittime del lavoro. Varato un decreto fiscale «omnibus» che contiene anche la proroga della Cassa integrazione Covid, il rifinanziamento del fondo per la quarantena, l’integrazione salariale per i lavoratori Alitalia, e un finanziamento di 200 milioni al reddito di cittadinanza. Su quest’ultimo c’èstato in consigliodei ministri uno scontro tra la Lega, Forza Italia e Italia Viva contro Pd e Cinque stelle. I primi vogliono dare i fondi alle imprese, i secondi vogliono mantenere le risorse. Entrambi aspettano le «politiche attive del lavoro». Draghi ha rinviato lo scontro alla discussione sulla legge di bilancio

Al lavoro in un cantiere

Al lavoro in un cantiere

Il Consiglio dei ministri ieri ha approvato il decreto fiscale che contiene anche le misure per la sicurezza sul lavoro Cinque Stelle e Pd da un lato e Lega, Forza Italia e Italia viva dall’altro hanno trovato l’occasione per litigare su 200 milioni di euro di integrazione sul cosiddetto «reddito di cittadinanza» (spesa complessiva quest’anno di quasi 9 miliardi). Il ministro dello sviluppo economico Giancarlo Giorgetti (Lega) avrebbe rilanciato il ritornello sul «reddito che non crea lavoro» e i ministro dell’agricoltura Stefano Patuanelli (M5S) e del lavoro Andrea Orlando (Pd) che hanno difeso la misura che sarebbe un contributo all’ordine...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.