closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Il governo del terzo verso la “coabitazione”

Trattative. Di Maio e Salvini a caccia di ministri in grado di passare l'esame di Mattarella. Che nel frattempo detta una linea filo Unione europea: no a sovranismi ottocenteschi. Rsiposta entro domenica, poi più tempo per completare la lista. I due capi politici nell'esecutivo ma non a palazzo Chigi. si cerca un premier "terzo"

Sergio Mattarella ieri a Firenze

Sergio Mattarella ieri a Firenze

Tre giorni per il programma, l’ormai famoso «contratto di governo», almeno il doppio per mettersi d’accordo sui ministri. Salvini e Di Maio lavorano alla lista ben sapendo che oltre a un’intesa tra loro devono avere il via libera del presidente della Repubblica sulla squadra. Mattarella valuterà con scrupolo gli obiettivi e i protagonisti di questa avventura grillo-leghista e già ieri ha mandato un pesante avvertimento perché sia rispettata la linea filo europea. Entro domenica il capo dello stato aspetta la conferma che l’esperimento può partire. Con accluso nome del presidente del Consiglio da incaricare. Che non dovrebbe essere né un...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi