closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Il Gioco dell’oca è tornato

EverTeen. Un saltimbanco piomba nella piazza di Tarot. E tutti cominciano a raccontare. «A ritrovar le storie», l'albo delle edizioni Corsare

Vi ricordate il Gioco dell’oca? Certo, come dimenticarlo, insieme alla gazzosa e alla spuma da sorseggiare con una cannuccia, mentre i dadi volteggiavano impazziti tra le caselle. Per una volta, si può mettere da parte la tentazione nostalgica e ritrovarsi ancora a toccare o annusare quel cartellone sul tavolo di casa. Il «feticcio» che viene da lontano e «accende i ricordi» vi apparirà in forma del tutto rinnovata, ma basterà lasciarsi andare alla suggestione. Niente giri di punizione se si sbaglia, ma parole che prendono all’amo favole inventate lì per lì. Una specie di «pista preferenziale» per la fantasia in...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi