closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Economia

Il gioco delle tre carte del patron Riva

Ricatto d'acciaio. Il ministro Zanonato contatta l’amministratore dei beni sequestrati all’azienda. L’azienda annuncia che non pagherà i creditori a causa dell’«indisponibilità degli impianti»

Per comprendere quanto sta avvenendo in queste ultime ore alla Riva Acciaio, bisogna tornare indietro allo scorso 24 maggio. Quando la gip del tribunale di Taranto, Patrizia Todisco, firmò l’ordinanza di sequestro per equivalente, pari a 8,1 miliardi di euro, su richiesta del pool guidato dal procuratore capo Franco Sebastio, titolare dell’inchiesta per disastro ambientale ai danni dell’Ilva Spa, dei vertici della famiglia Riva e di una serie di dirigenti del siderurgico tarantino. Il sequestro scaturì dal mancato risanamento dei reparti dell’area a caldo, indicati come la fonte dei veleni industriali ritenuti causa di malattia e morte. I consulenti dei...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.