closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Il genocidio in Ruanda «ultima sconfitta coloniale» per la Francia

6 aprile 1994-2021. Anniversario segnato dalla presentazione del voluminoso rapporto della Commissione Duclert, che denuncia le gravi responsabilità politiche e morali di Parigi. Il presidente ruandese Kagame ringrazia. E Macron presto volerà a Kigali

Memoriale del Genocidio di Kigali, Ruanda

Memoriale del Genocidio di Kigali, Ruanda

«Il fallimento della Francia in Ruanda (...) può essere paragonato a un'ultima sconfitta coloniale tanto più grave perché Parigi ha avuto una responsabilità politica, istituzionale e morale nel genocidio perpetrato nel 1994». Al termine di due anni di ricerche, i membri della Commissione Duclert hanno pubblicato il loro voluminoso rapporto sul ruolo della Francia in Ruanda tra il 1990 e il 1994, poco dopo averlo illustrato ufficialmente al presidente Emmanuel Macron. I NOVE MEMBRI - prevalentemente storici e ricercatori - della «commissione di ricerca sugli archivi francesi relativi al Ruanda e al genocidio dei Tutsi», presieduta dallo storico Vincent Duclert,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.